Nel panorama italiano delle riviste di videogiochi, pochi magazine hanno osato veramente. Vuoi perché il gaming “underground” è per sua natura un hobby di nicchia, vuoi perché si rischiavano conseguenze di carattere legale, le riviste di settore si sono sempre “limitate” a offrire recensioni, novità e approfondimenti. Eppure, tra il febbraio e il giugno del 2007, nelle edicole italiane si poteva trovare una pubblicazione diversa. Il suo nome era Gamers. “L’unica rivista di videogiochi 100% underground”.

Venni a conoscenza di questa rivista nel gennaio del 2007, sul forum di Games Collection. Ci misi un po’ per trovarla, dato che la distribuzione nelle edicole non era ottima, ma alla fine riuscii ad accaparrarmene una copia che divorai in pochissimo tempo. Finalmente un magazine underground cartaceo che non aveva paura di parlare degli aspetti più oscuri del videogioco: arcade, import, modifiche e riparazioni, scritta da appassionati per appassionati e con la collaborazione di alcuni nomi importanti del panorama videoludico underground italiano (tra cui Gualtiero “Shito” Cannarsi della Bibbia del NEO•GEO e Luca “Tetsuo” Abiusi del vecchio Retrogaming.it).

[…] ci siamo chiesti perché non realizzare una rivista focalizzata sul modo in cui gli appassionati di tutto il mondo vivono la propria passione per i videogiochi e non centrata sugli interessi promozionali/commerciali delle software house…

Dall’editoriale del primo numero

Nel primo numero, tra l’altro totalmente privo di pubblicità (sostituite da foto di una modella alle prese con un Famicom… eh già), tanti sono gli articoli interessanti. Si parte con una guida allo shopping ad Akihabara, il “quartiere elettrico” di Tokyo, per poi passare alla prima parte di Shooting Love, uno speciale di quattro pagine sulla storia degli STG a cura del sopracitato Luca Abiusi, che racconta la genesi e il boom degli sparatutto a scorrimento, da Space Invaders e Galaga fino ad arrivare a Thunderforce, Gaiares e M.U.S.H.A. Aleste.

Sempre nel primo numero, dopo uno speciale su Nintendo Wii (che a quel tempo era appena uscita) e un articolo sul gioco arcade The Idolm@ster (in cui bisogna impersonare un manager di idol J-Pop), si passa all’hacking a cura di Giampietro Zingri. PSP con Devhook, Nintendo DS con Super Card e affini, per finire con una guida su come modificare una memory card per Playstation 2 (!!!). Era proprio questo che differenziava Gamers da tutte le altre riviste: il coraggio di trattare argomenti finora considerati tabù come l’hacking e la modifica delle proprie console, non tanto per il download di ROM e ISO illegali, ma per spingere il proprio sistema al massimo.

Si arriva poi al motivo principale per cui acquistai questa rivista: la prima parte della retrospettiva dedicata al NEO•GEO, a cura di Gualtiero “Shito” Cannarsi. Senza dubbio uno degli articoli più interessanti, che poi continuò nel secondo numero. Sempre di Shito è anche lo speciale dedicato al Famicom a pagina 41.

Il secondo numero era più grande (84 pagine), con ancora più speciali dedicati al gaming giapponese, all’arcade e al retrogaming in generale: dopo una miniguida per impostare un emulatore CPS II su PSP, ecco un’anteprima di Trigger Heart Exelica, uno shooting game in uscita in quel periodo su Dreamcast (e fu uno degli ultimi titoli ufficiali rilasciati per la console Sega).

Uno degli articoli più esaustivi e interessanti di tutto il numero però è quello dedicato ad Akumajou Dracula, ossia le Cronache Nipponiche di Vampiri (che tra il secondo e il terzo numero occupano circa nove pagine), sempre a cura di Shito. Queste stesse Cronache verranno poi pubblicate su Geemania (ormai purtroppo offline) in due pdf aggiornati e più dettagliati.

Lo speciale di sei pagine su The King of Fighters ’94, le numerose guide sulle modifiche di XBOX 360, DS e Wii, le mini-recensioni di tantissimi giochi per Famicom, PC Engine, Mega Drive e Super Famicom rendono il secondo numero il migliore delle tre pubblicazioni. Perché sì: dopo svariati rinvii, a luglio uscì il terzo e ultimo numero di Gamers.

Distante anni luce dagli altri due numeri, Gamers N.3 offriva retrospettive su Dragon’s Lair, la rivista Zzap, Tron, giochi vietati ai minori per Commodore 64… tutte cose che, con tutto il bene del mondo, non mi interessavano più di tanto. A parte il prosieguo di Cronache Nipponiche di Vampiri e una guida di Madrigal su come programmare un Game & Watch (purtroppo rimasta incompiuta), l’unico articolo degno di nota è quello sulla storia delle pubblicazioni dei record arcade in Giappone, a cura di un altro nome sicuramente noto agli appassionati arcade italiani: Marco “Gemant” Frattino. Troppo poco comunque per salvare un terzo numero molto diverso dal progetto originale.

Il blog di Gamers continuò ad essere aggiornato per un po’ di tempo, ma alla fine anch’esso venne abbandonato. Non furono resi noti i motivi della chiusura del magazine: forse le numerose pagine di guide di hacking o il progressivo abbandono delle riviste cartacee in favore dell’internet avranno pesato, ma sta di fatto che la rivista rimane una vera e propria meteora underground. Sebbene molti articoli siano ormai datati e le guide pressoché inutili, è importante preservare questo tipo di approccio al videogioco: quello dei viaggi ad Akihabara per trovare giochi giapponesi a poco, quello di modificare le console per giocare a titoli import senza adattatori, quello di chi andava a cercare giochi oscuri come PuLiRuLa o Xexex, quello di chi non si accontentava della propria copia di Castlevania PALmerda, ma voleva scoprire cosa fosse veramente la saga di Akumajou Dracula. Ed è per questo che Gamers rimane una delle mie riviste preferite di tutti i tempi.